Il β-cariofillene, alla scoperta del terpeneche agisce come un cannabinoide

Il terpene ideale per alleviare il dolore ed accellerare la guarigione

La pianta di cannabis non si limita soltanto ai cannabinoidi contenuti, anzi se l’approccio di coltivazione è indirizzato ad avere un profilo terpenico di qualità e quindi ad una coltivazione il più naturale possibile, si potrà ottenere infiorescenze di cannabis ed estratti che oltre ai livelli dei più comuni cannabinoidi avranno anche una buona quantità e qualità di oltre 500 sostanze come il terpene beta-cariofillene ma anche altre sostanze, come:

  • Flavonoidi
  • Acidi grassi Omega 3 – Omega 6
  • Terpeni
  • Alcaloidi

E molti altri, basti pensare che attraverso i numerosi nuovi studi, si è scoperto quasi 600 elementi presenti.

Che cos’è il Beta-cariofillene

Il Beta-cariofillene o “B-cariofillene” o semplicemente cariofillene è uno dei terpeni più comuni ed abbondanti nella pianta di cannabis esattamente come altri terpeni come il Limonene o il Mircene, la sua percentuale può variare a seconda delle tecniche di coltivazione e della genetica.

Oltre alla canapa, è presente in abbondanza anche negli oli essenziali di molte spezie e piante medicinali come:

  • Pepe nero
  • Chiodi di garofano
  • Cannella
  • Luppolo
  • Rosmarino
  • Origano
  • Basilico
  • Lavanda

Queste terpene volatile è una molecaola lipofila appartenente alla classe dei sesquitepreni, con notevoli proprietà organolettiche, tanto che recenti studi hanno mostrato che ha ottime capacità farmacologiche antinfiammatorie, antitumorali, antimicrobiche ed analgesiche.

Aroma del Beta cariofillene

Il suo aroma tipico è di erbe aromatiche con sfumature legnose e speziate, simile al pepe o chiodi di garofano.

Le infiorescenze o gli strain con alti livelli di β- cariofillene, non avranno l’aroma puro di questo terpene, questo perchè l’insieme di terpeni di un profilo aromatico complesso, rende difficile individure tutti i singoli profumi.

Il dosaggio di questo terpene nella pianta di canapa, dipende molto dal tipo di coltivazione adottato ed anche dalla genetica, una coltivazione naturale è l’ideale epr sviluppare profili terpenici complessi e di qualità.

Solitamente il cariofillene lo si percepisce quando la cannabis viene vaporizzata piuttosto che bruciata, lo si può riconoscere grazie alla presenza dinote terrose e pepate che ricordano spezie orientali.

Effetti del Cariofillene

Molti utilizzatori di cannabis si interessano sempre più a questo terpene, poichè è in grado di interagire con i recettori CB2 del sistema endocannabinoide, questo terpene apre la strada scientifica al fatto che trpeni e cannabinoidi collaborano tra loro, amplificando quindi il concetto dei benefici dell’effetto entourage che spesso veniva attribuito solo ai cannabinoidi.

Il beta cariofillene è un terpene sicuro, anche per animali domestici, spesso usato come additivo alimentare o nella cosmesi, si comporta più come un cannabinoide che come un terpene, senza però dare alcun effetto psicoattivo.

I cannabinoidi come il CBD e THC interagiscono anche loro con i recettori CB1 e CB2, fornendo però un high cerebrale.

I suoi effetti sul corpo umano sono più che positivi, secondo recenti studi, questo terpene ha ottime proprietà analgesiche, secondo un’altro studio è in grado di ridurre efficacemente stress ed ansia, ed inoltre è efficace nel:

  • Ridurre il dolore neuropatico
  • Alleviare le infiammazioni
  • Contrastare stati di depressione
  • Accellera la guarigione delle ferite

Cannabinoidi o Terpeni

Seguendo le ultime ricerche scientifiche si può comprendere quante lacune ancora mancano sull’argomento cannabis, ma sopratutto si può ben capire che isolare i cannabinoidi non è la strada migliore per ottenere i massimi risultati per gli effetti benefici.

Questo perchè sempre più studi dimostrano che i terpeni sono le molecole che il nostro sistema endocannainoide riconosce, permettendo loro di veicolare i principi attivi dei cannabinoidi come il CBD o CBG. Non è mai un singolo terpene o un singolo cannabinoide a dare tutti questi effetti benefici tipici della cannabis, ma l’effetto congiunto di tutte queste molecole, detto appunto effetto entourage.

Torna su
Open chat