Che cos'è il CBD?

IL cannabidiolo (CBD) è uno degli oltre 100 composti organici presenti nelle piante di canapa. è un fitocannabinoide in grado di interagire con alcuni specifici recettori presenti nell’organismo.

Viene utilizzato dalla pianta come sostanza per mantenersi in salute e produrre enzimi per contrastare attacchi parassitari.

Il CBD, come anche altri fitocannabinoidi, se assunto interagisce con il nostro organismo, come anche nell’organismo degli animali tipo il cane o gatto, attraverso una rete di recettori che fanno parte del sistema endocannabinoide.

Come interagisce il CBD con l'organismo?

I fitocannabinoidi come appunto il CBD interagiscono con specifici recettori cerebrali, appunto il sistema endocannabinoide, che li riconoscono grazie alla presenza dei terpeni, come il Mircene.

Una volta che i fitocannabinoidi entrano in circolo, agiscono per riportare lo stato di equilibrio iniziale, quindi benessere, a determinati scompensi, che possono essere dovuti, per esempio a infiammazioni, dolore cronico, carenze del sistema immunitario.

Il CBD isolato non è efficace di per sè, un maggior risultato lo si ottiene con l’azione entourage di più cannabinoidi e sopratutto con un miglior assorbimento, dato dalla qualità e quantità dei terpeni e flavonoidi presenti, nell’estratto o infiorescenza.

Proprietà benefiche del CBD

Negli ultimi anni si sono intensificate le ricerche mediche legate al CBD ed altri cannabinoidi come il CBG E CBN.

Grazie ai risultati osservati, si può notare che il CBD, assunto sotto forma di estratto, infiorescenze o cristalli, aiuta, in modo naturale, ad alleviare alcuni malesseri e contrastare alcune patologi, grazie alle sue innumerevoli proprietà:

  • Antidepressive, aiuta a contrastare gli stati di depressione esogena ed endogena, anche profondi.
  • Calmanti, riduce sensazioni di stress ed aiuta l’addormentamento, in particolar modo se combinato con la melatonina.
  • Ansiolitiche, riduce i sintomi associati al Disturbo Post Traumatico da Stress e Disturbo Ossessivo Compulsivo.
  • Antifiammatorie, contrasta infiammazioni, anche croniche.
  • Aanalgesiche, riduce la sensazione di dolore, stimolando risposte neurologiche benefiche.
  • Antipsicotiche, aiuta a trattare la schizzofrenia e bipolarismo
  • Neuroprotettive, riduce in modo considerevole lo stress ossidativo delle cellule cerebrali.
  • Energizzanti ed Anti-ossidanti, migliora il naturale assorbimento energetico dato dal metabolismo, per una maggior sensazione di energia; è inoltre un ottimo antiossidante in grado di rafforzare e rigenerare le cellule.  
  • Antiemetiche, contrasta efficacemente i sintomi del rigetto, inoltre rispetto ai farmaci specifici, è facilmente assimilabile e senza effetti collaterali. 
  • Anticonvulsivanti, si è visto che il può essere inserito nelle terapie per la cura di forme di epilessia, anche infantile come la sindrome di dravet.

Effetti Collaterali del CBD

Un’eccessiva assunzione istantanea, si parla di più di 1.500 mg/giorno di CBD, che è il massimo dosaggio umano utilizzato, può portare ad effetti indesiderati lievi, come temporanea sensazione di nausea o sonnolenza, dovuti ad una diminuzione temporanea della pressione.

Solitamente i casi di effetti collaterali sono legati a particolari patologie o assunzione in contemporanea di specifici farmaci.

Precisiamo che il CBD non è psicoattivo, né tossico o nocivo.

Secondo il rapporto dell’OMS, il CBD è una sostanza sicura, ben tollerata da esseri umani ed animali,non crea dipendenza e non è un elemento pericoloso per la salute. 

Quanto CBD Prendere

I dosaggi giornalieri variano di persona e persona in base ad una serie di fattori, come lo stile di vita, il peso o l’utilizzo, se per uso fito-terapico o d’integrazione.

Il metabolismo del CBD è implicato in molti processi fisiologici, per cui la soluzione ideale è partire da poche gocce e cercare via via la dose giusta.

Qualora invece venisse usato per patologie, il miglior consiglio è consultare un medico per avere un’indicazione precisa circa i dosaggi e la concetrazione giusta di cannabidiolo.

CBD, effetto entourage e terpeni

I terpeni sono molecole aromatiche presenti in moltissime piante, tra cui la canapa,vengono appunto sintetizzati dalle piante per proteggersi da attacchi parassitari o malattie.

Secondo recenti studi, in particolar modo quello della British Pharmacological Society, si è reso evidente che i terpeni agiscono su membrane cellulari, canali ionici, enzimi e recettori.

Contribuendo in modo significativo l’assorbimento dei cannabinoidi da parte dell’organismo amplificando l’effetto entourage.

I terpeni agiscono anche direttamente sull’organismo, influenzando positivamente:

  • Umore
  • Funzioni Immunitarie
  • Sonno
  • Appetito 

CBD di qualità

Il CBD è una sostanza che si trova maggiormente nella pianta di canapa.

La qualità del CBD è data appunto dalla salute e qualità della pianta.

Abbiamo scelto di coltivare seguendo i principi dell’agricoltura rigenerativa e del Korean natural farming, proprio per seguire le nsotre piante durante tutta la loro fase vegetativa e di fioritura.

Attraverso l’utilizzo di determinati batteri benefici e tecniche colturali, le piante ricevano micro-elementi che amplificano la produzione terpenica e di conseguenza la sintesi di cannabinoidi, aumentando l’efficacia di assorbimento e benefici dei nostri estratti.

Una nostra pianta in fioritura
Torna su